Inalazione di un corpo estraneo: cosa fare

    SoffocamentoEDITORIALE : CONFORTI...AMOCI DI GIORGIO CONFORTI

    Come salvare “Giona” dall’essere inghiottito (o dall’inghiottire, meglio dall’inalare)

     Cordialmente ho ricevuto (da una mamma) e seriamente diffondo (a tutti) 

    Giona

    Caro Dottor Conforti,

    con la mia Le descrivo ciò che mi è occorso qualche settimana fa con il piccolo Giona. 
    Era l’ora di cena e mentre mi destreggiavo a far cenare i miei bambini, per una mia disattenzione, ho lasciato un panino sul seggiolone di Giona.
    Tutto ad un tratto Giona è diventato paonazzo e posso dire di aver capito cosa vuol dire “avere fame d’aria”. Cercava di respirare senza riuscirvi. 
    L’ho subito tolto dal seggiolone ed ho praticato la manovra di disostruzione che mi ha insegnato. 
    Dopo tre forti pacche sulla schiena ha espulso il pezzo di pane e vomitato quello che aveva mangiato.

    La paura è stata tanta, quando tutto è terminato e Giona si è ripreso ho pianto come una stupida. 

    Disostruzione

    Questa è una mail che una mamma ha scritto al suo Pediatra (io) pochi giorni fa.

    Ho cambiato il nome del bambino, non a caso ho scelto quello di Giona e chi sa della leggenda, o del racconto, immaginerà anche il perché.

    La mail è vera,a scanso di equivoci, come vero è il bambino, la mamma e l’incidente che ha avuto un lieto fine come altri casi in cui il curante si è dedicato a insegnare ai genitori come evitare che accada, con l’inalazione di un corpo estraneo, un decesso da soffocamento, prima causa di morte nei paesi occidentali per i bambini di età compresa fra 1 e 4 anni, terza per i bambini sotto l’anno.

    Gli oggetti più comunemente responsabili di questo incidente sono elencati nella tabella sottostante. 

    Grafico

    Non solo l’inalazione è un serio rischio per la salute, ma non infrequentemente anche l’ingestione di corpi estranei: guardare l’effetto che fa in un wurstel (sic) tagliato a metà in cui è stata inserita una pila di quelle comunemente usate per video giochi, telefonini o orologi. Il liquido che fuoriesce nel tempo è altamente caustico e può bruciare i tessuti fino a ulcerarli come nell’immagine riportata. 

    Batteria

    Possiamo immaginare l’effetto analogo sui tessuti umani, stomaco o intestino ad esempio, se la pila ingerita inavvertitamente.

    Ecco quindi l’importanza di una campagna di sensibilizzazione, informazione e educazione alla popolazione che il pediatria di famiglia può, con specifici accordi regionali e aziendali presso le ASL, svolgere presso i propri assistiti. Questo importante servizio comporta:

    • allertare i genitori affinchè i bambini non abbiano a disposizione oggetti pericolosi e,
    • a incidente in corso, come intervenire in caso di rischio di soffocamento, come è successo a Giona.

     

    Contatti

    F.I.M.P.
    Federazione Italiana Medici Pediatri

    Via Parigi 11 scala A int. 105
    00185 ROMA

    Lunedi - Venerdi 09:00 - 17.00 

    presidenza@fimp.pro
    Tel. 06 44202575
    Fax: 0662204732

    supportotecnico@fimp.pro
    Mercoledi 09.00 - 15.00

    3316976129

     

    Newsletter

    Iscriviti alla newsletter FIMP

    © 2018 FIMP - Federazione Italiana Medici Pediatri