image001 FIMP - Federazione Italiana Medici Pediatri - FIMP - Federazione Italiana Medici Pediatri

     

     

    Banner MD V3

    9 CONGRESSO FIMP 032b

    Il vaccino contro la meningite B

    Come agisce

    I vaccini agiscono stimolando il sistema immunitario a difendersi da un batterio specifico. In particolare, il vaccino contiene alcune “parti” del batterio che il nostro sistema immunitario riconosce come “estranee”, producendo anticorpi diretti contro il batterio. In caso di esposizione al batterio in futuro, quindi, l’organismo avrà a disposizione gli anticorpi specifici in grado di proteggerlo dalla malattia.

    Il vaccino è stato studiato in una popolazione di oltre 4000 soggetti. I risultati degli studi hanno evidenziato che il vaccino è in grado di stimolare efficacemente una risposta immunitaria contro il meningococco di tipo B, proteggendo il soggetto vaccinato dall’infezione.

    Quando si somministra

    Il vaccino può essere somministrato a partire dai 2 mesi di età tramite iniezione intramuscolare nella coscia (lattanti) o nel braccio.

    Calendario delle somministrazioni

    Età Numero di dosi Intervallo tra le dosi Dose di richiamo
    Lattanti tra 2 e 5 mesi di età Syringe3 Almeno 1 mese tra 12 e 15 mesi di età (in caso di ritardo, entro i 24 mesi di età)
    Bambini non precedentemente vaccinati tra 6 e 11 mesi di età Syringe2 Almeno 2 mesi nel secondo anno di vita (almeno 2 mesi dopo la seconda dose)
    Bambini non precedentemente vaccinati tra 12 e 23 mesi di età Syringe2 Almeno 2 mesi tra 12 e 23 mesi dopo la seconda dose
    Bambini di età compresa tra 2 e 10 anni Syringe2 Almeno 2 mesi Necessità non stabilita
    Adolescenti e adulti Syringe2 Almeno 1 mesi Necessità non stabilita

    Possibili reazioni avverse

    Il vaccino è stato ampiamente studiato e si è dimostrato sicuro ed efficace.

    Reazioni avverse più comuni osservate

    Bambini fino a 10 anni di età Adolescenti e adulti
    Indolenzimento, gonfiore, indurimento e arrossamento cutaneo in corrispondenza della sede di iniezione Dolore, gonfiore, indurimento e arrossamento cutaneo in corrispondenza della sede di iniezione
    Sonnolenza Cefalea
    Pianto anomalo Nausea
    Diarrea Malessere
    Vomito Dolore muscolare
    Esantema della cute Dolore articolare
    Febbre
    Irritabilità
     

    Fonti

    – http://www.ema.europa.eu/docs/it_IT/document_library/EPAR_-_Summary_for_the_public/human/002333/WC500137857.pdf

    Contatti

    F.I.M.P.
    Federazione Italiana Medici Pediatri

    Via Parigi 11 scala A int. 105
    00185 ROMA

    Lunedi - Venerdi 09:00 - 17.00 

    presidenza@fimp.pro
    Tel. 06 44202575
    Fax: 0662204732

    supportotecnico@fimp.pro
    Mercoledi 09.00 - 15.00

    3316976129

     

    Newsletter

    Iscriviti alla newsletter FIMP

    © 2018 FIMP - Federazione Italiana Medici Pediatri